Gli occhi di Mariam Moustafa brillano in tutti noi

La vicenda di Mariam Moustafa è un dramma nel dramma. E non ci sono spiegazioni plausibili, ma solo tanta tristezza.


  • Categoria: Società
  • Data di pubblicazione: 21 marzo 2018 Ore:5:26

C’è più di un dramma nella tragica storia di Mariam Moustafa, la giovane laureanda massacrata ed uccisa di botte da una gang di infami a Nottingham.

C’è il dramma della violenza, cieca, immotivata, che probabilmente affonda le proprie radici in un odio e disagio cementificato e mai sradicato del tutto, che ha avvelenato non solo le convergenze sociali fra le varie etnie che vivono da decenni nella cittadina inglese, ma avanza fra le giovani generazioni spandendosi come un virus, traendo forza soprattutto dall’incapacità delle strutture sociali e governative di dare un futuro, una speranza; di contrastare, soprattutto, i focolari dell’odio civile.

C’è poi il dramma dell’emigrazione: il papà di Mariam decise quattro anni fa di partire alla volta del Regno Unito per sfuggire alle tenaglie del fisco italiano, al futuro negato che questo Paese ha oramai distinto come marchio di fabbrica degli ultimi vent’anni. Se ne sono partiti, seppur a malincuore, motivati altresì dal fatto che l’Italia non compete più a livello internazionale sul tema della formazione, lasciando di fatto che migliaia di giovani “emigrino” verso porti lontani, non solo dagli affetti, ma anche dagli usi e costumi ai quali si devono necessariamente adattare, non senza difficoltà.

C’è infine il dramma della famiglia, che ha perso una figlia nel fiore degli anni e non la riavrà mai più. La giovane ragazza ha cercato in tutti i modi di rimanere aggrappata alla vita, ha chiesto aiuto, ha tentato fino a dove ha potuto e i suoi genitori hanno fatto altrettanto. Ma non è bastato: il destino ha scelto per lei la strada più crudele e dolorosa.

Ora gli occhi di Mariam appartengono a tutti, ma soprattutto a quegli studenti che sognano di diventare qualcuno e redimere così le loro famiglie; di dare un contributo di speranza alle loro vite e al loro futuro. I suoi occhi brillano fulgidi sotto quel cupo cielo inglese e attraversano la Manica, il Mediterraneo, fino ad arrivare a casa. Ovunque Mariam abbia mai sognato che sia.

© 2018 lucagrandicelli.it - Segui su: Twitter